6 DICEMBRE 2023

11:32

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

798 visualizzazioni


6 DICEMBRE 2023 - 11:32


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

798 visualizzazioni



SAN MARINO: Mattarella in visita ufficiale, incontro coi Capitani Reggenti

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è arrivato a San Marino per una visita di Stato. L'ultimo capo di Stato a visitare il Titano fu Giorgio Napolitano oltre nove anni fa. Ad attendere il presidente della Repubblica in Piazza della Libertà c'erano i Capitani Reggenti Filippo Tamagnini e Gaetano Troina. Rigoroso il cerimoniale della visita: ci sono stati i consueti onori militari, mentre hanno risuonato per le contrade del centro storico - blindato per l'occasione -  le note dei due inni nazionali.

"Guardiamo con grave preoccupazione all’emergenza climatica che colpisce con particolare violenza la nostra regione mediterranea, con fenomeni climatici estremi che stanno gravemente danneggiando il nostro ecosistema e minacciando il nostro stile di vita". Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella in occasione della visita di Stato a San Marino, ricordando che “insieme ai presidenti dei Paesi del Mediterraneo che fanno parte del gruppo Arraiolos, abbiamo rivolto un appello all’azione, affinché si adottino iniziative urgenti ed efficaci per arrestare e invertire gli effetti della crisi climatica”. Il tema legato alla risposta ai cambiamenti climatici “è di particolare urgenza”, ha ribadito il Capo dello Stato. 

(foto da San Marino Rtv)




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

ROMAGNA: Bignami, "Regione E-R faccia pulizia alvei fiumi"

"Avevo assunto l’impegno di fare il punto con l’Amministratore Delegato di RFI Gianpiero Strisciuglio sulla situazione del Ponte ferroviario che attraversa Sant’Agata sul Santerno e su cui si concentra la preoccupazione della popolazione. L’AD ha assunto l’impegno, entro il mese di settembre, di concludere l’iter di realizzazione del progetto definitivo per la revisione dell’assetto ferroviario dell’attraversamento. Tuttavia i tecnici sottolineano come anche un rifacimento dell'infrastruttura che non sia accompagnata da opere di manutenzione e pulizia puntuali e periodiche su tutto il tronco fluviale rischi di vanificare qualsiasi intervento infrastrutturale che, tra l’altro, presenta costi assai ingenti quantificabili nell’ordine di alcune decine di milioni di euro. Si corre dunque il rischio più che concreto di trovarci nel giro di poco tempo in una situazione analoga a quella esistente. È pertanto necessario che da parte della Regione (Emilia-Romagna, ndr) ci sia un impegno sulla pulizia dei corsi d'acqua e di tutto il reticolo idrografico, con particolare riguardo alle situazioni di maggiore delicatezza quali quelle di Santerno. Diversamente si buttano via i soldi degli italiani e non si mette in sicurezza nulla". Così il viceministro alle infrastrutture e trasporti Galeazzo Bignami. 'Quindi è necessario che in parallelo alla redazione del definitivo, la Regione presenti un piano e una programmazione sistematica di pulizia degli alvei e di tutti i manufatti che presentano interferenze con il normale decorso dei flussi idrici. Confidiamo quindi che la Regione lo faccia subito visto che, a un anno dall'alluvione non ha ancora portato a compimento questa operazione e che i cittadini ci diano forza in questa richiesta"