16 SETTEMBRE 2023

12:09

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

720 visualizzazioni


16 SETTEMBRE 2023 - 12:09


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

720 visualizzazioni



BOLOGNA: Arriva il ‘Gemello digitale’, snellirà il traffico e aiuterà nel prevenire alluvioni | VIDEO

Ottenere dati e informazioni sulla prevenzione contro le alluvioni, sul percorso più veloce per arrivare al lavoro al mattino, così come sull'efficienza energetica degli edifici Bologna lancia il progetto del 'Gemello digitale'.

Una copia virtuale della città e una piattaforma che raccoglie tutti i dati in tempo reale e li mette a disposizione dei cittadini ad esempio sulla prevenzione contro le alluvioni, sul percorso più veloce per arrivare al lavoro al mattino, oppure sull'efficienza energetica degli edifici. Sono solo alcuni esempi pratici di come Bologna utilizzerà il suo ‘gemello digitale’, un'esperienza unica in Italia portata avanti a livello internazionale con Barcellona. Si parte quest’anno con un investimento iniziale di 7 milioni di euro provenienti da fondi europei insieme all'Alma Mater, il Cineca, la Fondazione Bruno Kessler e la Fondazione Innovazione urbana. Il Gemello digitale aiuterà, valorizzando il patrimonio di dati già esistente ed integrandone di nuovi, a gestire i grandi cambiamenti in arrivo sul fronte della mobilità: Tram, Passante, Sfm, Bicipolitana, oppure analizzerà la risposta energetica del patrimonio edilizio cittadino, simulando l'impatto dell'inserimento di nuovi progetti nei piani urbanistici, dando così strumenti utili per l'adozione di politiche mirate, così come si concentrerà anche su un caso d'uso legato ai temi del cambiamento climatico e del dissesto idrogeologico. La partecipazione dei cittadini, sottolinea Lepore, "sarà fondamentale: bisogna che i dati che le città hanno siano restituiti alla cittadinanza, e lo faremo nei prossimi anni. E aggiunge: "Il gemello digitale diventerà una piattaforma di ricerca da consolidare negli anni, ma iniziamo già quest'anno impegnando decine di ricercatori e sviluppatori, per la nascita del progetto, e già dall'anno prossimo avremo i primi dati elaborati. I dati in realtà li abbiamo già, però vanno usati, rappresentati, messi a disposizione dei centri di ricerca e delle imprese. Le città possiedono questi dati, ma non lo sanno".




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FAENZA: ‘Biciclette verso il Tour de France’, grande mostra a Palazzo del Podestà | FOTO

Dopo l’apertura di sabato 8 giugno, ieri sera si è celebrata l'inaugurazione ufficiale di ‘Faenza, Faïence, biciclette verso il Tour de France’, la mostra a Palazzo del Podestà che porta in esposizione le bici dei campioni del ciclismo romagnolo, le loro maglie e tanto altro materiale inedito. L’iniziativa che sta già raccogliendo grande successo di pubblico è stata organizzata per accogliere lo storico passaggio della seconda tappa in Italia della 111esima edizione del Tour de France che attraverserà la città e il cuore di Faenza domenica 30 giugno. All'evento, condotto dal giornalista Maurizio Marchesi, hanno preso parte il sindaco di Faenza Massimo Isola, le assessore allo sport Martina Laghi e al turismo Simona Sangiorgi che hanno ideato e curato in prima persona la mostra, l'assessore regionale Andrea Corsini, il sottosegretario alla presidenza regionale Giammaria Manghi, il noto giornalista sportivo Beppe Conti e i tanti noti e affermati campioni faentini di ieri e di oggi, a testimonianza del protagonismo di Faenza e della Romagna nella storia del ciclismo. In esposizione anche una selezione di ‘due ruote’, proveniente dalla collezione privata di Vincenzo Collina, legate al mondo del lavoro e quelle usate nel periodo tra i due conflitti bellici assieme agli elaborati delle scuole dell'infanzia sul tema della bicicletta. L'allestimento della mostra è stato curato dall'artista Oscar Dominguez. Palazzo del Podestà però non sarà solo sede della mostra statica. Fino al 7 luglio, il Salone dell’Arengo ospiterà anche diversi eventi: presentazione di libri, proiezioni di docufilm e momenti di approfondimento, tutti legati dal tema delle biciclette. Il primo appuntamento è in programma lunedì prossimo 17 giugno alle ore 18 con la presentazione del libro ‘Chiedimi chi era Pantani’ (Ed. Rcs Mediagroup) di Francesco Ceniti che dialogherà con la giornalista Alessandra Giardini. Questi gli orari di apertura del Palazzo del Podestà: dal lunedì al venerdì, dalle 17.30 alle 20; sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 20. Domenica 30 giugno, giorno del passaggio del Tour de France, dalle 9 alle 12. La mostra potrà essere visitata anche dalle scolaresche e dai gruppi dei centri estivi (prenotazione obbligatoria all’indirizzo mail eventi@romagnafaentina.it), nella fascia oraria 9-12, martedì 18, venerdì 21 e mercoledì 26 giugno.