5 FEBBRAIO 2024

17:12

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

2941 visualizzazioni


5 FEBBRAIO 2024 - 17:12


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

2941 visualizzazioni



RIMINI: Asportato tumore maligno a una 81enne inoperabile

L'equipe di Gastroenterologia dell'ospedale Infermi di Rimini ha eseguito con successo un delicato intervento in endoscopia che ha consentito di asportare un tumore maligno allo stomaco e salvare così la vita a una donna di 81 anni. La paziente aveva una lesione di 6x4 centimetri, “un adenocarcinoma infiltrante ben differenziato - spiega il primario Marco Di Marco - ma per motivi legati alle sue condizioni generali e alle sue plurime comorbidità era stata giudicata inoperabile”. 

L'equipe riminese ha deciso di procedere con l’unico intervento possibile, quello endoscopico, “però assai complesso, proprio perché la lesione era già un tumore maligno, pertanto con pochissime chance di essere radicale”, aggiunge lo specialista.  

Grazie ad una tecnica avanzata chiamata dissezione endoscopica sottomucosa (ESD) è stato possibile alla fine di novembre di “asportare completamente la lesione ottenendo radicalità endoscopica ed istologica come se fosse stato fatto un intervento chirurgico, e allo stesso tempo siamo riusciti a preservare l'organo e la sua funzione fornendo preziose chance di sopravvivenza alla signora”, specifica Di Marco. 

La tecnica è stata introdotta circa vent’anni fa in Giappone e, a differenza dell’intervento chirurgico, non richiede bisturi. L’asportazione avviene con accessori che scavano e rimuovono il tumore salvaguardando i tessuti sani. Solitamente si impiega in tumori agli stadi iniziali, a differenza di quanto capitato alla paziente. In questo risiede la particolarità dell'intervento, durato circa due ore e che il dottor Di Marco ha eseguito assistito dagli infermieri Manuel Marchesciano e Annalisa Saragoni. “La riuscita di un intervento così complesso ci ha riempito tutti quanti di soddisfazione, soprattutto per aver dimostrato che tale tecnica può essere applicata anche in età avanzata grazie alla sua mini-invasività”. 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ