24 APRILE 2024

15:33

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

638 visualizzazioni


24 APRILE 2024 - 15:33


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

638 visualizzazioni



BOLOGNA: Occupazione scuola, danni causati da alcuni studenti interni e tre ragazzi esterni | VIDEO

Continuano le indagini per i danni all’Itis Fioravanti Belluzzi di Bologna durante l’occupazione: gli studenti prendono le distanze da quanto accaduto, denunciando un comportamento sbagliato da parte di alcuni e non di tutti i presenti.

Emergono ulteriori dettagli dopo quanto accaduto all’Istituto Tecnico Fioravanti Belluzzi di Bologna in seguito agli atti di vandalismo durante l’occupazione della scuola. Secondo quanto raccontato da uno dei rappresentanti degli studenti, a creare i disagi sarebbero stati alcuni ragazzi  interni insieme a tre soggetti esterni. Una situazione che ha portato alla chiusura dell’Istituto lo scorso lunedì da parte del preside, disponibile a dialogare con i ragazzi, e con gli studenti che hanno preso le distanze da quanto accaduto: non è giusto che paghino tutti per colpa di alcuni è il pensiero comune, rimarcando le motivazioni dell’occupazione legate alla riforma della scuola e rispondendo anche ad alcune dichiarazioni del Ministro Valditara.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

CESENA: Alluvione, Figliuolo, "a disposizione una dote da oltre 1,9 miliardi"

Sul fronte delle "risorse, al momento la mia dotazione" per fare fronte alle richieste di rimborso, "è sensibilmente aumentata, perchè ai 639 milioni iniziali si sono aggiunti 560 milioni previsti da una vecchia norma più i 700 milioni del credito d'imposta che a breve vedranno la luce nell'ordinanza quindi alla fine fanno più di 1,9 miliardi nella disponibilità del commissario". Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario alla ricostruzione post alluvione oggi a Cesena per un sopralluogo. "Al momento - ha osservato abbiamo soddisfatto 280 domande per un importo di 8,6 milioni di cui la metà erogata a cittadini e imprese che hanno fatto richiesta. Le domande piano piano stanno incrementando: la piattaforma c'è, funziona, I Comuni, la struttura commissariale con Invitalia stanno processando le domande e noi siamo pronti a concedere e erogare i contributi previsti quando la perizia è positiva". A chi gli chiedeva se ritenesse sufficiente una somma di 6.000 euro per il rimborsi dei beni mobili colpiti dall'alluvione, Figliuolo ha osservato che "da zero adesso ci sono 6.000 euro. Con le perizie fatte devo dire che il 50%" delle richieste "sono sotto e il 50% sopra. Poi - ha aggiunto - c'è da verificare chi ha ricevuto dei rimborsi dovuti ai contributi di immediato sostegno. Quindi non sono solo questi 6.000 euro ma ci sono altri tipi di contributi da cui uno potrebbe avere avuto dei rimborsi. Per quello che mi riguarda l'ordinanza sarà pronta la settimana prossima, la stiamo definendo poi andrà in assenso Regione e sarà operativa. La piattaforma Sfinge - ha concluso Figliuolo - è in grado di accogliere le domande a coloro che hanno già fatto domanda verrà erogato il contributo a saldo".