3 APRILE 2024

11:57

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

231 visualizzazioni


3 APRILE 2024 - 11:57


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

231 visualizzazioni



ROMAGNA: Click day, “burocrazia lenta, a rischio i raccolti” | VIDEO

Sono state alcune migliaia le aziende romagnole che si sono candidate per il decreto flussi 2024 che prevede oltre 150 mila ingressi in Italia di lavoratori non comunitari. Ma il settore agricolo lamenta le lungaggini burocratiche che metterebbero a rischio i raccolti.

 

Il 26 marzo si è tenuto il primo dei tre Click day concessi dal decreto flussi che consente quest’anno l’ingresso in Italia di oltre 150 mila lavoratori extracomunitari da distribuire in vari campi, tra cui l’agricoltura, dove c’è un gran bisogno di manodopera. Anche in Romagna.

“I settori dove c'è mancanza di manodopera sono quello della raccolta, della frutta, soprattutto nei territori di Forlì-Cesena e Ravenna. E poi nella zona del Riminese, dove abbiamo delle grandi aziende orticole”, spiega Eugenia Panciatichi, responsabile risorse umane delle Coldiretti di Forlì-Cesena-Rimini.

Il Click day rappresenta una “grande occasione” per gli agricoltori, sottolinea Coldiretti, ma i visti per i lavoratori arrivano troppo tardi.

“Per noi è una grandissima opportunità, però qual è il problema? Che ci sono un po’ di lungaggini burocratiche. Dovrebbero essere risolte all'interno dei vari ministeri. Devono cercare di portare avanti queste richieste il più velocemente possibile perché altrimenti ci ritroviamo con quote che ci sono state date, datori di lavoro che aspettano i dipendenti per poi mettere in atto le varie fasi lavorative, e invece i dipendenti restano là in quanto non hanno il visto per poter entrare in Italia”.

C’è il rischio che i lavoratori arrivino troppo tardi per la raccolta? “Sì, può essere che arrivino un po’ tardi. Abbiamo i nullaosta, però non hanno il visto di ingresso nelle ambasciate italiane all'estero. La burocrazia ci blocca un po’”.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: Capanni balneari, rinviate a dicembre le demolizioni

Slitta il termine per la demolizione dei capanni balneari a Ravenna. C’è tempo fino a inizio dicembre per concludere le operazioni, ma anche per discutere un eventuale compromesso per salvare le storiche costruzioni. Da tempo prosegue infatti la diatriba tra i proprietari e il Comune, a inizio anno era arrivata l’ordinanza con cui l’amministrazione ravennate aveva ordinato la distruzione dei manufatti. Il termine iniziale per smontare le 74 casette di legno ancora esistenti sul litorale era il 30 aprile. Un’ordinanza però sospesa il 15 marzo, quando il sindaco ha chiesto al Parco del Delta del Po di esprimere una valutazione ambientale sui tempi e le modalità di esecuzione delle demolizioni, per fornire prescrizioni tecniche ai proprietari. Nel frattempo le operazioni di smantellamento si sono dunque fermate. A fine marzo, il Parco ha fornito le prescrizioni, e ad aprile il dirigente del Comune che aveva emesso l’ordinanza ha di conseguenza notificato all’Associazione Capannisti Balneari "che i lavori di demolizione potranno iniziare dal 23 settembre e terminare tassativamente entro i 90 giorni successivi", ossia entro l’8 dicembre. Ci sono ancora diversi mesi per trovare una soluzione per evitare l’abbattimento dei capanni che non insistono su aree protette, in estate dovrebbe arrivare un bando per consentire alle associazioni interessate di ottenere la gestione dei capanni, destinandoli ad attività per esempio di natura didattica.