15 GIUGNO 2024

10:27

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

304 visualizzazioni


15 GIUGNO 2024 - 10:27


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

304 visualizzazioni



BOLOGNA: Bimbo Tu, in 1.200 per il pic-nic al Dall’Ara | VIDEO

Oltre 1200 persone hanno accolto l’invito dell’associazione Bimbo Tu ed hanno trascorso una magica serata sul prato dello stadio Dall’Ara tra pic nic, musica e spettacoli.

Bologna FC 1909 e Bimbo Tu ancora insieme, questa volta per un pic nic sul prato dello stadio Renato Dall'Ara. Una serata magica, con 1200 persone che hanno cenato sull'erba e festeggiato il club rossoblù reduce dalla qalificazione in Champions, senza dimenticare la solidarietà. Gli incassi della cena sono destinati ad un importante obiettivo: la ristrutturazione di due stanze di Osservazione Breve Intensiva pediatrica e i lavori in due stanze di degenza della Pediatria dell'Ospedale Maggiore, dedicate in particolare a pazienti con disturbi psicopatologici. Non è la prima volta che il club e Bimbo Tu scendono insieme in campo. Già nel 2019, infatti, avevano organizzato un'iniziativa allo Stadio Dall'Ara dal titolo "Tutti in Piedi per Nicole", dedicato alla giovane tifosa Nicole Perera, prematuramente scomparsa l'inverno dello stesso anno a causa di un tumore cerebrale. "Il piacere di una sera d'estate, il campo protagonista di una gloriosa stagione ed il futuro dei nostri bambini come unico obiettivo: questo è lo spirito che ci ha guidato nell'organizzare 'Bologna tifa per i bambini', un evento dedicato alla nostra città ed ai suoi ineguagliabili tifosi", dice Alessandro Arcidiacono, presidente di Bimbo Tu. "Da anni, il Bologna e Bimbo Tu lavorano insieme con impegno e passione per portare avanti iniziative benefiche a sostegno dei bambini e delle loro famiglie. Il picnic sul campo dello Stadio dall'Ara, casa del Bologna, è un'iniziativa senza precedenti aperta a tutti coloro che desiderano contribuire a una causa nobile, dimostrando il proprio amore per il Bologna e il desiderio di fare la differenza nella vita dei più piccoli", dichiara Marco Di Vaio, direttore sportivo del Bologna. "Bologna tifa per i bambini ci vede al fianco di Bimbo Tu e del Bologna fin dalle origini: in questi anni abbiamo raggiunto, insieme, numerosi obiettivi molto importanti a favore delle pediatrie bolognesi", sottolinea Andrea Rizzoli, Presidente di Bcc Felsinea.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

SARSINA: Ripartiti gli scavi del Tempio Romano

Gli scavi archeologici nell'area del tempio tripartito di età romana del sito di Sarsina (Forlì-Cesena) possono ripartire a seguito della prima messa in sicurezza del sito, realizzata grazie all'accordo tra l'Istituto centrale per l'Archeologia del Ministero della Cultura, il dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile - Comando di Forlì-Cesena, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e il comune di Sarsina. Sono terminate le operazioni di predisposizione dell'area, interessata da rischio idrogeologico. L'intervento, finanziato dall'Istituto centrale per l'Archeologia del Mic, si è reso necessario per garantire il prosieguo delle attività di indagine archeologica, oltre che le future fasi di restauro e valorizzazione del sito. La prima fase delle operazioni ha riguardato la salvaguardia del sito secondo il principio del "minimo intervento". Potranno ora riprendere le indagini sul campo a cura di archeologi professionalmente qualificati diretti dalla Soprintendenza, che curerà anche la divulgazione dei nuovi risultati delle ricerche. L'importante scoperta archeologica - un tempio tripartito riconducibile all'età romana, con adiacenti strutture altomedievali - era stata ufficializzata lo scorso settembre 2023 durante le Giornate europee del patrimonio. Sono stati individuati resti di una struttura quadrangolare di grandi dimensioni che si può ricollegare a un edificio di culto di età romana, datato in via preliminare al I sec. a.C., coevo con la pavimentazione in lastre di pietra arenaria del foro lasciate a vista nella vicina area archeologica pubblica e ritrovate anche alla base delle evidenze strutturali messe in luce. L'eccezionalità di tale rinvenimento consiste anche nel suo stato di conservazione.