19 GIUGNO 2024

15:54

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

639 visualizzazioni


19 GIUGNO 2024 - 15:54


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

639 visualizzazioni



RIMINI: Tour de France, stimato indotto di 10 milioni

Manca poco più di una settimana alla prima tappa del Tour de France ed è tutto pronto a Rimini dove sarà allestito il traguardo. L’indotto dell’evento stimato per la città è di 10 milioni di euro, e volano verso il tutto esaurito gli hotel.

 

Mancano pochi giorni al 29 giugno, giornata storica per l’Emilia-Romagna e per Rimini, città in cui taglieranno il traguardo della prima tappa i corridori del Tour de France. In un’inedita sequenza di tappe oltre confine, il terzo evento sportivo più seguito al mondo dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio sarà un volano per l’economia.

“Dovrà essere un grande giorno di festa, perché Rimini sarà proiettata su oltre 200 televisioni in tutto il mondo. Perché questo evento è uno dei più seguiti in assoluto a livello planetario”, ha sottolineato a margine di una conferenza stampa il sindaco Jamil Sadegholvaad.

In regione si stimano 150 mila presenze dovute al Tour, un indotto da 29 milioni di euro di cui 10 nella sola Rimini dove l’occupazione delle camere per tutto il weekend vola già al 92%, secondo Federalberghi.

“Un indotto milionario, si stima tra gli 8 e i 10 milioni di euro. Ma quello che conta di più, oltre all'indotto immediato, è il fatto che la nostra Rimini, con le riprese dagli elicotteri, verrà proiettata in tutto il mondo e sarà una straordinaria vetrina per fare in modo che la nostra terra venga conosciuta sempre di più anche in chiave ciclistica”, ha aggiunto il primo cittadino.

Imponenti le misure di sicurezza. 120 gli agenti della polizia municipale in campo per regolare il traffico. Limitazioni alla viabilità ci saranno già a partire da mercoledì prossimo, mentre il consiglio per il 29 è di muoversi in città a piedi o in bicicletta. Il casello autostradale di Rimini Sud verrà chiuso per alcune ore.

 

Ecco le indicazioni sul traffico (possibili variazioni nei prossimi giorni): 

Le aree soggette a modifiche alla viabilità

I divieti di sosta e di circolazione riguarderanno in particolare le vie che saranno percorse dalla carovana gialla e dalla gara, nonché le strade e i parcheggi che ospiteranno i mezzi della carovana e il villaggio del Tour. Previste modifiche anche per il trasporto pubblico. L’invito generale è quello di muoversi a piedi o in bici il 29 giugno nelle aree della città maggiormente coinvolte nell’evento, per entrare nello spirito del Tour e non correre il rischio di essere coinvolti nei probabili rallentamenti alla viabilità.

Negli ultimi 3 km del percorso (ovvero, dalla rotatoria Flaminia/Settembrini all’arrivo), sarà installata una transennatura continua su entrambi i lati del percorso, al di fuori della quale i tifosi potranno vedere sfrecciare i campioni del ciclismo internazionale.

 

A partire dal 26 giugno, il parcheggio di via Chiabrera non sarà più fruibile in quanto riservato ai mezzi tecnici dell’organizzazione. Per consentire l’arrivo e il posizionamento dei tir, sempre il 26 giugno, dalle ore 19,00 alle ore 01,00, sarà chiusa la via Chiabrera, solamente nella direzione monte-mare.

Dal 26 al 29 giugno, sarà chiuso il Lungomare Di Vittorio, nel tratto da via La città delle donne a via Intervista, per consentire l’allestimento delle strutture dedicate all’arrivo. La restante parte di Lungomare fino a piazzale Benedetto Croce sarà chiusa dalle ore 20,00 di venerdì 28 giugno alle ore 22,00 di sabato 29 giugno. Stante la chiusura del Lungomare Di Vittorio, sarà istituito il doppio senso di circolazione su viale Regina Elena, nel tratto tra piazzale Gondar e piazzale Benedetto Croce.

Piazzale Fellini, area dedicata alla sosta dei mezzi della carovana pubblicitaria, sarà chiuso al traffico sabato 29 giugno, dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

Il mercato settimanale di Bellariva (attualmente spostato sul Lungomare Di Vittorio) giovedì 27 giugno non verrà effettuato per consentire gli allestimenti.

 

Nello specifico la chiusura delle strade con posizionamento dei divieti di sosta e interdizione alla circolazione (ad esclusione dei servizi di emergenza) riguarda:

-mercoledì 26/06/2024: chiusura al traffico di Via Gabriello Chiabrera (2 corsie lato Riccione), dalle ore 19:00 alle ore 1:00;

-da mercoledì 26/06 ore 12:00 a sabato 29/06 ore 22:00 il parcheggio Chiabrera non sarà più fruibile in quanto riservato ai mezzi tecnici dell’organizzazione

-da mercoledì 26/06 ore 18:00 a sabato 29/06 ore 22:00: chiusura del Lungomare Giuseppe Di Vittorio, tratto tra Via La Città delle Donne e Via Intervista;

-da venerdì 28 giugno alle ore 20:00 fino alle ore 22:00 di sabato 29 giugno chiuso (intero viale): Lungomare Giuseppe di Vittorio;

-sabato 29/06: chiusura viale Regina Elena (da via Firenze a piazzale Gondar), viale Firenze, via Chiabrera, dalle ore 04:00 limitatamente al tempo necessario al posizionamento della transennatura del percorso di gara; la successiva chiusura definitiva sarà dalle ore 14:00;

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura via Block Notes di un Regista;

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura via Minguzzi (tra via Porto Palos e via Caprara);

-dal 29/06 ore 05.00 al 30/06 ore 12.00 chiusura primi due blocchi del parcheggio Medaglie d’Oro.

-sabato 29/06: chiusura rotonda del Grand Hotel Rimini, dalle ore 10:00 alle ore 18:00

-sabato 29/06: chiusura viale Beccadelli, dalle ore 10:00 alle ore 18:00

 

Le aree non disponibili in quanto riservate all’organizzazione e alle squadre sono:

  • P.le Fellini
  • P.le Medagle D'Oro
  • V.le Minguzzi
  • Via Ginger e Fred 
  • Via Block Notes di un Regista

 

Attraversamenti del percorso

Negli ultimi 2 km del percorso, essendo zona abitata e ad alta presenza turistica, saranno istituiti 3 varchi nella transennatura (in quest’ultimo tratto, come detto, continua) che verranno presidiati dal personale dell’organizzazione per consentire il transito dei pedoni. Questi varchi saranno chiusi 15 minuti prima del passaggio della Carovana, poi successivamente riaperti e successivamente nuovamente chiusi 15 minuti prima del passaggio della gara. I varchi sono posti:

- Viale Firenze, 10 m prima di Viale Regina Elena (ovvero 1,3 km prima dell'arrivo)

- Piazzale Gondar (850 m prima dell'arrivo)

- Lungomare Giuseppe Di Vittorio, nei pressi di Via La Voce della Luna. L’organizzazione garantirà questo punto di attraversamento circa 315 m prima dell'arrivo.

 

Al fine di consentire l’attraversamento della Superstrada di San Marino che sarà parte del percorso di gara, sono stati previsti due punti di attraversamento presidiati dagli operatori di polizia:

-intersezione SS 72/via Amola/via Montevecchio;

-intersezione SS 72/via La Pastora/SP 49.

 

Percorsi alternativi

 

DIREZIONE NORD, per chi percorre la SS 16 (via Flaminia), provenendo da Riccione

 

Sulla via Flaminia, alla rotatoria dei Vigili del Fuoco, sarà istituita una deviazione su via Varisco dove, attraverso il percorso via Macanno-via Acquabona, si potrà raggiungere la via Coriano. Percorrendola in direzione di Rimini, si raggiungerà via Rodriguez dove, attraverso il sottopasso, si potrà bypassare il percorso di gara e, una volta rientrati sulla SS 16 ci si potrà dirigere in direzione nord.

 

Per l’occasione, grazie alla disponibilità della Direzione del Gros, saranno mantenuti aperti gli accessi con la possibilità di utilizzare anche i percorsi interni per raggiungere la via Coriano.

 

DIREZIONE SUD, per chi proviene da SS9/SS16

 

Alla rotatoria con via della Fiera/via della Grotta Rossa, dirigersi verso via della Fiera dove, percorrendo via Flaminia in direzione sud, si raggiunge il sottopasso di via Rodriguez per bypassare il percorso di gara e riprendere, in senso inverso, il percorso di cui sopra (via Coriano-via Acquabona/via Macanno (oppure GROS)-via Varisco-Rotatoria VVF-SS16.

 

DIREZIONE NORD, per chi percorre viale Regina Margherita con direzione Marina Centro.

 

Il traffico veicolare sarà deviato su viale Portofino e viale Siracusa per consentire di raggiungere, tramite la via Rosmini, la SS 16.

 

DIREZIONE SUD, per chi proviene da Marina Centro

 

Per coloro che provengono da Marina Centro e hanno esigenza di dirigersi in direzione sud, potranno svoltare su viale Tripoli in direzione monte, su via Alessandro Manzoni (per poi raggiungere, tramite il sottopasso presente, il viale Pascoli in direzione monte) nonché, finché l’affluenza di pubblico lo consentirà, viale Firenze e via Chiabrera fino alla rotatoria “Rita Levi Montalcini” dove saranno indirizzati su viale Settembrini in direzione di via G.M. Giuliani e via Fada.

 

In ogni caso, i mezzi di maggiori dimensioni, stante le limitate dimensioni del sottopasso di via Manzoni, dovranno utilizzare quest’ultimo percorso.

 

DIREZIONE SAN MARINO, per chi proviene da nord

 

La Superstrada di San Marino sarà comunque percorribile nella sola direzione mare-monte.

Ulteriore percorso alternativo suggerito è quello per via Covignano e via Santa Cristina.

 

DIREZIONE SAN MARINO, per chi proviene da sud

 

Si consiglia di utilizzare la via Santa Maria in Cerreto, tenendo comunque presente che la Superstrada di San Marino (da Rimini fino al confine con Dogana) è percorso di gara.

 

Informazioni utili

Il percorso di gara sarà chiuso a partire dalle ore 14,00 di sabato 29 giugno.

Considerate le dimensioni dell’evento e la notevole affluenza di pubblico, la Polizia locale suggerisce, ove possibile, di anticipare eventuali partenze e spostamenti nella mattinata di sabato 29 giugno, essendo prevedibile che durante l’intero pomeriggio, anche per l’arrivo di un elevato numero di spettatori, potranno registrarsi maggiori criticità sulla viabilità.

Inoltre, per gli spostamenti sud-nord e nord-sud, nella giornata di sabato 29 giugno è altamente consigliato utilizzare la tratta autostradale Rimini Nord-Riccione.

Sul canale speciale sul sito del Comune di Rimini https://www.comune.rimini.it/tour-de-france-2024 si possono trovare le informazioni utili, la mappa navigabile del percorso del tour e dei percorsi alternativi, foto e video.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

SARSINA: Ripartiti gli scavi del Tempio Romano

Gli scavi archeologici nell'area del tempio tripartito di età romana del sito di Sarsina (Forlì-Cesena) possono ripartire a seguito della prima messa in sicurezza del sito, realizzata grazie all'accordo tra l'Istituto centrale per l'Archeologia del Ministero della Cultura, il dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile - Comando di Forlì-Cesena, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e il comune di Sarsina. Sono terminate le operazioni di predisposizione dell'area, interessata da rischio idrogeologico. L'intervento, finanziato dall'Istituto centrale per l'Archeologia del Mic, si è reso necessario per garantire il prosieguo delle attività di indagine archeologica, oltre che le future fasi di restauro e valorizzazione del sito. La prima fase delle operazioni ha riguardato la salvaguardia del sito secondo il principio del "minimo intervento". Potranno ora riprendere le indagini sul campo a cura di archeologi professionalmente qualificati diretti dalla Soprintendenza, che curerà anche la divulgazione dei nuovi risultati delle ricerche. L'importante scoperta archeologica - un tempio tripartito riconducibile all'età romana, con adiacenti strutture altomedievali - era stata ufficializzata lo scorso settembre 2023 durante le Giornate europee del patrimonio. Sono stati individuati resti di una struttura quadrangolare di grandi dimensioni che si può ricollegare a un edificio di culto di età romana, datato in via preliminare al I sec. a.C., coevo con la pavimentazione in lastre di pietra arenaria del foro lasciate a vista nella vicina area archeologica pubblica e ritrovate anche alla base delle evidenze strutturali messe in luce. L'eccezionalità di tale rinvenimento consiste anche nel suo stato di conservazione.