24 MAGGIO 2021

11:07

NOTIZIA DI SPORT

DI

457 visualizzazioni


24 MAGGIO 2021 - 11:07


NOTIZIA DI SPORT

DI

457 visualizzazioni



BASKET: Il primo passo in semifinale è della Virtus, Brindisi evapora 66-73 | VIDEO

Al “PalaPentassuglia” di Brindisi sventola bandiera bianconera. La Virtus Bologna, guidata dalla sua punta di diamante Teodosic, inizia col piede giusto la serie con i pugliesi. I primi 20 minuti della semifinale playoff sono tutti di marca emiliana, Djodjevic fa partire dall’inizio Weems e, mentre la difesa alza il muro, l’attacco va a segno. Avanti 4-11, l’Happy Casa risale sull’11 pari, si scalda però Teodosic, autore di due triple consecutive. Con Belinelli opaco, il primo quarto termina 16-17 ma le Vu Nere si affidano al talento serbo alla ripresa del gioco. Brindisi rincorre, la lingua è già lunga e l’affanno sale su a metà gara, che si chiude 29-32. Coach Vitucci aumenta le rotazioni dalla panchina in cerca della svolta e fa bene perché matura il primo vantaggio locale (41-36) con Perkins e Bostic al 24’. Le Vu Nere si scrollano di dosso il colpo subìto e ritrovano brillantezza: Teodosic, autore di 24 punti totali, è supportato da un Belinelli più lucido anche dal tiro da tre. Il terzo spicchio di gara vede la Segafredo avanti 50-53 e nell’ultimo quarto l’ex Nba mette il turbo dalla distanza, per un totale di 16 punti. La difesa alza quindi il muro e sotto canestro i rimbalzi conquistati sono 14. I biancazzurri pagano invece a caro prezzo le disattenzioni nella propria metà campo e un durissimo 3 su 24 dalla distanza. Alla sirena è la Virtus a fare festa per il 66-73 finale.




ALTRE NOTIZIE DI SPORT

CALCIO: Il Cesena Femminile prosegue la propria corsa, Chievo ko sul 4-3

Un'altra vittoria per il Cesena Femminile, la 20esima su 25 partite disputate per una squadra che sta marciando a medie del tutto simili a quelle collezionate dai colleghi bianconeri nel campionato di serie C stravinto dagli uomini di Toscano. Peccato però che nella serie B femminile ci sono due rivali che stanno facendo addirittura meglio e un'altra che invece ha mantenuto lo stesso passo delle romagnole, che pure hanno dovuto faticare per venire a capo dell'ostacolo rappresentato dal Chievo. Apre le marcature la solita Milan al 7', approfittando dell'assist di Tamborini ma le scaligere non ci stanno e nel giro di sei minuti ribaltano il match trovando prima il pari sull'asse Landa-Begal al 12' e poi passando a condurre grazie alla rete realizzata sottomisura da Picchi. Il settimo minuto di gioco è però foriero di soddisfazioni anche nella ripresa quando Tamborini sigla il punto del 2-2, poi è Milan a divorarsi una grande occasione spedendo sul fondo il suo colpo di testa. Poco male per il Cesena perché al 66' e la stessa Milan a propiziare il nuovo vantaggio firmato da Jansen, mentre sei minuti più tardi Lonati si conquista un rigore che Tamborini trasforma spiazzando Soggiu. Solo in pieno recupero arriva il punto del 4-3 a firma Picchi ma il Cesena riesce comunque a fare suoi i tre punti che valgono il mantenimento del terzo posto in classifica.