5 DICEMBRE 2023

08:16

NOTIZIA DI CRONACA

DI

357 visualizzazioni


5 DICEMBRE 2023 - 08:16


NOTIZIA DI CRONACA

DI

357 visualizzazioni



BOLOGNA: Aggressioni e rapine in strada, 3 arresti

Tre persone sono state arrestate da carabinieri e polizia per una serie di rapine a passanti avvenute nel fine settimana nel centro di Bologna. Hanno 22 e 24 anni, il primo di origine tunisina e il secondo nato in Marocco, gli autori di due aggressioni ai danni di altrettanti studenti, affrontati per strada nella zona di Piazza dei Martiri. A distanza di pochi minuti, secondo quanto ricostruito, hanno preso di mira un 19enne e un 22enne. La prima rapina è riuscita e alla vittima è stata strappata dal collo una catenina d'oro, mentre il secondo ragazzo è stato gettato a terra e preso a calci nel tentativo di derubarlo e frugargli le tasche, ma senza trovare nulla. I due studenti hanno avvertito il 112 e dato le descrizioni degli aggressori, che sono stati rintracciati e arrestati. Per altri episodi simili, avvenuti sempre nel weekend, la polizia ha arrestato un 19enne tunisino, accusato di avere rapinato due giovani egiziani. Il 19enne è stato rintracciato in una comunità per minori, dove gli agenti sono intervenuti perché un'operatrice aveva segnalato la presenza di una persona estranea alla struttura che dormiva in una stanza. Dagli abiti che indossava e da successivi accertamenti sono emersi i collegamenti con le due rapine.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Accoltellamento al centro di accoglienza, fermato 27enne

Un 27enne di origine tunisina è stato fermato dalla polizia per tentato omicidio aggravato. Ieri sera, in un centro di accoglienza in periferia a Bologna, ha accoltellato un 59enne di origine marocchina con il quale, il giorno prima, aveva litigato per denaro. In base a quanto ricostruito dagli agenti della squadra mobile e del commissariato Bolognina-Pontevecchio, il 27enne aveva accusato l'altro di avergli rubato 300 euro e lo aveva raggiunto nella struttura di via Pallavicini per riprendersi la somma sottratta. Il 59enne, entrato in camera insieme a un altro ospite, ha scoperto il 27enne mentre stava forzando il suo armadietto: ha cercato di fermarlo ed è stato colpito con un fendente. Il giovane è scappato mentre una operatrice si è accorta di quanto era accaduto e ha chiamato i soccorsi. Il 59enne, in gravi condizioni, è stato accompagnato all'Ospedale Maggiore dove ha subito un intervento: la prognosi rimane riservata, non risulterebbe in pericolo di vita. Gli agenti si sono messi sulle tracce dell'aggressore individuandolo, grazie alla localizzazione del telefono cellulare, in via Due Madonne: è stato accompagnato in Questura e sottoposto al fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio aggravato. Ora è in carcere in attesa dell'udienza di convalida.