7 DICEMBRE 2023

08:41

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1173 visualizzazioni


7 DICEMBRE 2023 - 08:41


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1173 visualizzazioni



FORLÌ: Aggressione in centro, identificata la "baby gang"

La Questura di Forlì ha identificato e denunciato i tre responsabili del pestaggio ai danni di quattro giovani avvenuto nei pressi di un locale notturno la notte dello scorso sabato. Le vittime, appena diciottenni, stavano dirigendosi a mangiare dopo l'uscita da una discoteca quando sono stati attaccati da una "baby gang" composta da due ventenni e un sedicenne, tutti di nazionalità italiana. I motivi dell'aggressione sono stati futili: i quattro avevano offerto una sigaretta elettronica in prestito, ma quando hanno chiesto la restituzione, sono stati brutalmente picchiati.

La polizia ha identificato i responsabili e presentato denuncia nei loro confronti con l'accusa di lesioni personali. Le vittime hanno riportato lesioni e fratture, con tempi di guarigione compresi tra 10 e 30 giorni, inclusa la frattura di un osso facciale e sono state prese in cura dall'ospedale Morgagni-Pierantoni.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Accoltellamento al centro di accoglienza, fermato 27enne

Un 27enne di origine tunisina è stato fermato dalla polizia per tentato omicidio aggravato. Ieri sera, in un centro di accoglienza in periferia a Bologna, ha accoltellato un 59enne di origine marocchina con il quale, il giorno prima, aveva litigato per denaro. In base a quanto ricostruito dagli agenti della squadra mobile e del commissariato Bolognina-Pontevecchio, il 27enne aveva accusato l'altro di avergli rubato 300 euro e lo aveva raggiunto nella struttura di via Pallavicini per riprendersi la somma sottratta. Il 59enne, entrato in camera insieme a un altro ospite, ha scoperto il 27enne mentre stava forzando il suo armadietto: ha cercato di fermarlo ed è stato colpito con un fendente. Il giovane è scappato mentre una operatrice si è accorta di quanto era accaduto e ha chiamato i soccorsi. Il 59enne, in gravi condizioni, è stato accompagnato all'Ospedale Maggiore dove ha subito un intervento: la prognosi rimane riservata, non risulterebbe in pericolo di vita. Gli agenti si sono messi sulle tracce dell'aggressore individuandolo, grazie alla localizzazione del telefono cellulare, in via Due Madonne: è stato accompagnato in Questura e sottoposto al fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio aggravato. Ora è in carcere in attesa dell'udienza di convalida.