12 FEBBRAIO 2024

13:57

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1472 visualizzazioni


12 FEBBRAIO 2024 - 13:57


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1472 visualizzazioni



BOLOGNA: Omicidio Matteuzzi, ergastolo per l'ex compagno Giovanni Padovani | VIDEO

Sono servite due ore alla Corte d'Assise di Bologna per decidere l'ergastolo per Giovanni Padovani, 28 anni, per aver ucciso la sua ex compagna, Alessandra Matteuzzi, 56 anni, la sera del 23 agosto 2022 a colpi di martello, calci, pugni e con una panchina prelevata dal giardino condominiale della donna, in via dell'Arcoveggio. La Corte d'Assise di Bologna, presieduta dal giudice Domenico Pasquariello, ha confermato tutte le aggravanti chieste dalla Procura per l'ex calciatore: stalking, vincolo del legame affettivo, motivi abietti e premeditazione. La sorella di Alessandra, Stefania, è scoppiata in un pianto liberatorio. “Alessandra non c'è più, mia sorella non c'è più” ha detto alla lettura della sentenza. L'imputato, prima che la Corte si riunisse in Camera di Consiglio, aveva ribadito che non era lucido al momento dell'omicidio. In aula era presente anche il sindaco Matteo Lepore, che prima della lettura della sentenza, ha abbracciato la sorella di Alessandra. La Corte ha anche stabilito provvisionali immediatamente esecutive da 100mila euro per la sorella di Alessandra Matteuzzi, Stefania, e per la madre. Diecimila euro invece per i due nipoti di Alessandra e 5mila euro per le altre parti civili. Per quanto riguarda i danni, invece, saranno liquidati in separata sede.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.