17 APRILE 2024

19:31

NOTIZIA DI CRONACA

DI

891 visualizzazioni


17 APRILE 2024 - 19:31


NOTIZIA DI CRONACA

DI

891 visualizzazioni



RAVENNA: Arrestati tre camionisti per furto di carburante

Tre autisti sono stati arrestati a Ravenna dalla polizia Stradale con l'accusa di avere rubato carburante alla loro ditta di autotrasporti attiva nei trasporti eccezionali. Tutto è partito da un controllo fatto venerdì sera nella zona artigianale delle Bassette: i tre sono stati sorpresi mentre prelevavano carburante dai serbatoi dei mezzi da loro condotti attraverso un tubo di gomma. In particolare i tre camionisti avevano disposto i veicoli in modo tale da creare un vero e proprio muro di protezione al fine di agire indisturbati: i poliziotti, appostati a pochi metri, hanno però approfittato di uno spiraglio per constatare ciò che stava accadendo. Nelle vetture dei tre sono poi state trovate altre taniche pronte per essere riempite oltre ai tubi utilizzati per asportare il gasolio: tutto il materiale è stato sequestrato.

 




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Vigilessa uccisa, la famiglia, "Fino in fondo per fare giustizia"

"Siamo di fronte a un grave caso di omicidio che ha portato via ai suoi cari e a tutta la comunità una giovane vita che guardava al mondo con fiducia e speranza e che ha trovato la morte in un luogo che per sua natura dovrebbe essere sicuro. Ora i familiari sono distrutti ma anche consapevoli della necessità di andare fino in fondo nel raggiungimento di verità e giustizia". Lo dice l'avvocato Andrea Speranzoni, difensore dei genitori di Sofia Stefani, la ex vigilessa di 33 anni uccisa da un colpo di pistola giovedì nella sede del comando di Anzola Emilia. "Come difensore dei genitori di Sofia Stefani da questa mattina, appreso l'esito dell'udienza di convalida, esprimo piena fiducia nel lavoro degli inquirenti e ritengo che l'odierno accoglimento della domanda cautelare confermi e rafforzi l'ipotesi accusatoria di omicidio volontario aggravato formulata dalla Procura della Repubblica di Bologna", dice l'avvocato Speranzoni.  "Le indagini preliminari naturalmente ora continueranno e i genitori della vittima desiderano far sapere mio tramite che perseguiranno con determinazione il percorso di giustizia che Sofia merita", aggiunge il legale.