20 APRILE 2024

10:54

NOTIZIA DI CRONACA

DI

1231 visualizzazioni


20 APRILE 2024 - 10:54


NOTIZIA DI CRONACA

DI

1231 visualizzazioni



RAVENNA: Il piromane della pompa di benzina ai domiciliari in Psichiatria | VIDEO

Il giudice ha disposto gli arresti domiciliari nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Ravenna per il 25enne che martedì ha dato fuoco a una pompa di benzina in zona Darsena. Famakan Traore, originario del Mali, venerdì è stato ascoltato durante l’udienza di convalida. Davanti al gip Schiaretti e all’avvocato difensore Faccani, il giovane – come ricostruisce il Carlino – ha raccontato di avere visto in sogno alcuni carabinieri che gli avrebbero ordinato di compiere il folle gesto. Il 25enne avrebbe anche detto di sentire voci. Un quadro che conferma quanto dichiarato in prima battuta dopo l’episodio, e che spinge il suo legale a chiedere una perizia psichiatrica per lo straniero, per capire se fosse in grado di intendere e volere quando ha appiccato il rogo. Le indagini chiariranno la dinamica del gesto, anche se le immagini che circolano da giorni sono già eloquenti. Nei video dei testimoni e delle telecamere di sorveglianza si vede il giovane che afferra la pistola del distributore e cosparge la zona con litri di benzina, per poi appiccare l’incendio con un accendino. La tragedia è stata evitata grazie all'intervento di presenti e dei vigili del fuoco. Il 25enne è accusato di incendio doloso aggravato, violazione del foglio di via e resistenza a pubblico ufficiale. Nei giorni precedenti lo straniero era già stato arrestato per rapina a un connazionale, mentre nei mesi scorsi era finito nei guai per vari reati, tra cui spaccio e lesioni personali.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Occupazione pro Palestina in stazione, 20 identificati

Sono in corso indagini da parte della Digos di Bologna, anche con le immagini dell'impianto di videosorveglianza Polfer, per identificare gli autori della protesta con occupazione del binario 1 della stazione, nella manifestazione per la causa palestinese del tardo pomeriggio di ieri. Al momento, informa la Questura, ne sono stati individuati una ventina, appartenenti all'area antagonista locale: saranno a vario titolo denunciati alla Procura per blocco ferroviario, interruzione di pubblico servizio, imbrattamento e manifestazione non preavvisata. Oltre mille i manifestanti, dice la Questura, che hanno partecipato al corteo non preavvisato, intorno alle 19, diretto verso la stazione. Arrivati in piazza Medaglie d'oro, gli attivisti hanno accelerato, occupando il binario 1. "La grave condotta, penalmente rilevante, non ha sortito danni a persone e cose anche grazie al solerte intervento di personale della Polizia ferroviaria che ha consentito la tempestiva interruzione della circolazione dei treni". L'occupazione del binario, con slogan, striscioni contro Israele e lancio di diversi fumogeni, si è conclusa poco dopo le 20.