21 MAGGIO 2024

09:56

NOTIZIA DI CRONACA

DI

598 visualizzazioni


21 MAGGIO 2024 - 09:56


NOTIZIA DI CRONACA

DI

598 visualizzazioni



CESENA: Arrestato l'uomo che ha tentato di uccidere la moglie a San Mauro Pascoli

E’ stato arrestato vicino a Milano il 55enne albanese, destinatario di un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Forlì, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e tentato omicidio. L’uomo aveva atteso l’uscita di casa della figlia minore a San Mauro Pascoli e poi, mosso da un impeto di gelosia, aveva picchiato la moglie in testa e sul volto con un martello. La vittima aveva tentato di opporre resistenza e l’uomo aveva iniziato a morderla staccandole con i denti parte dell’orecchio. Aveva anche tentato di strangolarla ma la donna, ferita ed oramai quasi priva di sensi, era riuscita a chiedere aiuto. Dal 25 aprile l’uomo era riuscito a fuggire e fare perdere le proprie tracce sino a quando, grazie all’attività dei carabinieri, è stato localizzato nell’hinterland di Milano.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Gira con una pistola nel palazzo della ex, arrestato

I Carabinieri di Casalecchio hanno arrestato un uomo di 39 anni per avere violato i provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla ex compagna, che lo aveva denunciato per maltrattamenti. E' accusato anche di porto illegale di armi, dato che quando è stato trovato all'interno del condominio dove abita la donna impugnava una pistola, risultata essere un'arma giocattolo, ma priva del tappo rosso obbligatorio. A chiamare i carabinieri è stato uno dei residenti del palazzo, che ha chiesto aiuto dopo essere stato aggredito verbalmente da un uomo, armato di pistola, che si stava aggirando nell'area condominiale. I militari hanno poi accertato che si trattava del 39enne destinatario delle misure, che aveva ricevuto lo scorso maggio nell'ambito di un'indagine per maltrattamenti in famiglia. Al momento dei fatti, la ex compagna non era in casa. In sede di giudizio direttissimo, l'arresto è stato convalidato e in attesa della sentenza, posticipata per la richiesta dei termini a difesa, il 39enne è stato sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.