22 MAGGIO 2024

13:55

NOTIZIA DI CRONACA

DI

629 visualizzazioni


22 MAGGIO 2024 - 13:55


NOTIZIA DI CRONACA

DI

629 visualizzazioni



RIMINI: Giro di fatture false, 4 indagati nel campo dell'edilizia | VIDEO

La guardia di Finanza di Rimini ha eseguito quattro misure cautelari per i reati di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e trasferimento fraudolento di valori. Il tutto nel contesto del commercio di materiali per l’edilizia. Ecco cosa è emerso.

 

Errare è umano, perseverare è diabolico, e può condurre perfino in carcere. C’è un errore ortografico alla base della maxi operazione della guardia di finanza di Rimini che ha svelato una frode fiscale nel settore dell’edilizia, in particolare nel commercio di inerti come sassi e ghiaia.

Il termine “lapidio” anziché “lapideo” ricorreva in diverse fatture che riportavano però un’intestazione diversa, facevano cioè riferimento ad aziende diverse. Ma dietro vi erano gli stessi soggetti che, tramite prestanome, gonfiavano fatture per frodare il fisco e nascondere i guadagni non dichiarati.

Questo secondo le lunghe e minuziose indagini delle fiamme gialle, durate oltre due anni, che si sono concentrate su delle anomale operazioni di trasporto del materiale inerte. Ne è emersa una vera e propria filiera di società che, in modo fraudolento, ha prodotto un vorticoso giro di fatture false, tra il 2018 e il 2021, arrivando ad evadere oltre 2 milioni di euro. Fatture che venivano fittiziamente intestate ad altre persone.

Quattro i soggetti arrestati, due in carcere e due ai domiciliari. Tre uomini e una donna. Al centro vi è un 48enne di origini campane ma residente nel Riminese, con vari precedenti, che avrebbe intestato fittiziamente a prestanome le quote delle cinque società, tutte del Riminese, a cui erano intestate le fatture.

Ancora da appurare possibili collegamenti con la criminalità organizzata e come quelle somme venissero reinvestite.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Omicidio in via Ferrarese, arrestato 38enne, "Motivi passionali"

Nella tarda serata di ieri, in un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna, sotto la direzione del Sostituto Procuratore Michele Martorelli, la Squadra Mobile ha arrestato un cittadino ucraino di 38 anni, con precedenti penali, sospettato di un brutale omicidio. La vittima, un connazionale di 40 anni, è stata trovata senza vita in un appartamento di via Ferrarese. Il corpo, riverso su una sedia, presentava diverse ferite sul corpo e alla testa. Trasportato d’urgenza all’ospedale Maggiore, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per un grave trauma addominale che ha reso necessaria l'asportazione della milza, oltre a trattare una frattura cranica. Nonostante gli sforzi dei medici, l'uomo è deceduto nella tarda mattinata del 15 giugno. Durante la perquisizione dell'appartamento, la Polizia Scientifica ha rilevato impronte latenti attribuite al sospettato. La presenza di telecamere di sorveglianza ha fornito ulteriori prove: i filmati mostrano l'uomo mentre entra nell’edificio armato di un oggetto contundente e ne esce poco dopo con tracce di sangue sul braccio. Le prove raccolte hanno permesso al Pubblico Ministero di emettere un provvedimento di fermo per omicidio. Il sospettato è stato rintracciato nella zona Pilastro a bordo di un veicolo a lui intestato. Dopo le dovute perquisizioni, è stato condotto in Questura, dove è stato interrogato e successivamente trasferito alla casa circondariale locale. Secondo le indagini, il movente dell’omicidio sarebbe da ricondurre a motivi passionali.