20 MAGGIO 2024

14:43

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

579 visualizzazioni


20 MAGGIO 2024 - 14:43


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

579 visualizzazioni



SAN MARINO: Lavoro, i frontalieri salgono a quota ottomila | VIDEO

Raggiungono quota ottomila i transfrontalieri che ogni giorno si recano a lavorare nella Repubblica di San Marino, e rappresentano il 36% della forza lavoro. È quanto emerge dagli ultimi dati dell’Ufficio di statistica del Titano.

 

L'Ufficio di Statistica di San Marino ha diffuso i dati relativi al mercato del lavoro per i primi tre mesi del 2024, rivelando una dinamica positiva dell’occupazione con una crescita del numero di lavoratori di cui è protagonista l’incremento significativo dei frontalieri.

Al 31 marzo, il numero complessivo dei lavoratori ha superato le 24.000 unità con un incremento del 2,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il tasso di disoccupati sfiora il 3%, ma oltre la metà di questi si definisce immediatamente disponibile all’impiego.

Significativa la crescita dell’occupazione nel settore privato nell'ultimo anno, soprattutto nel commercio all’ingrosso e al dettaglio, nella riparazione di veicoli insieme alle agenzie di viaggio e ai servizi di informazione e comunicazione. Una leggera flessione, invece, per la manifattura.

Un dato di rilievo riguarda i lavoratori frontalieri, che hanno superato le ottomila unità, ovvero il 36% di tutti i dipendenti presenti a San Marino. Un incremento notevole rispetto allo stesso periodo del 2023, +9%. La maggior parte dei frontalieri è impiegata come operai e impiegati. Pochissimi quelli che ricoprono posizioni dirigenziali.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Ricerca Ires, aumenta lavoro stabile ma anche quello povero

Più lavoratori stabili ma anche più lavoratori anziani poveri e precari. E' la fotografia del mercato del Lavoro in Emilia-Romagna scattata dall'Ires. Dallo studio dell'Istituto di ricerca della Cgil emerge un quadro positivo dell'economia regionale. Ma i divari si fanno sempre più profondi. Secondo i dati, il 2023 ha visto la prosecuzione di una fase di rallentamento dell'economia iniziata nel 2022, la crescita del Pil regionale dell'1,1% contro il 3,4% dell'anno precedente. I consumi delle famiglie sono in aumento dell'1,4%, penalizzati però dall'inflazione, con conseguenze sul reddito disponibile reale. Il 2023 registra un +1,4% dei lavori a tempo indeterminato, ma il 31,8% dei lavoratori dipendenti, in Emilia-Romagna, nel 2022 aveva un reddito sotto i 15.000 euro; il 21,8 sotto i 10.000. "L'occupazione in sé è in crescita e cala la disoccupazione. Se guardiamo, però, i dati del milione e mezzo di lavoratori dipendenti dei settori privati in Emilia Romagna - sottolinea Massimo Bussandri, segretario regionale della Cgil -  soltanto il 44% sono stabili nel senso pieno del termine, cioè lavoratori occupati a tempo indeterminato, full time e per tutto l'anno solare". "Abbiamo bisogno di avere più tecnologia, ma quella tecnologia va governata. Altrimenti abbiamo degli ottimati là in alto e sotto una bolla di lavoro povero, di imprese povere che hanno l'analfabetismo dell'innovazione" rimarca l'assessore regionale allo Sviluppo produttivo, Vincenzo Colla. "Noi dobbiamo avere un grande corpo centrale che è in grado di allungare la mano alle figure più deboli che ci sono" conclude.