8 MAGGIO 2024

14:47

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

501 visualizzazioni


8 MAGGIO 2024 - 14:47


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

501 visualizzazioni



RIMINI: Lollobrigida inaugura il Macfrut, "scenario economico è positivo"

Durante l'inaugurazione della fiera Macfrut a Rimini, il ministro dell'agricoltura, Francesco Lollobrigida, ha condiviso una visione ottimistica dell'attuale panorama economico italiano nonostante le turbolenze globali. "I dati che emergono ci dicono che c'è una grande fiducia, che l'Italia si sta distinguendo in positivo anche in Europa rispetto ai dati, quelli che venivano richiamati, che ultimamente alcuni non usano più come riferimento, come lo spread, che è ai livelli più bassi da sempre. La borsa che è ai livelli più alti da sempre, l'indice di occupazione che è ai livelli più alti da sempre, che ha visto solo quest'anno crescere di 500.000 unità le persone che hanno trovato un lavoro stabile in Italia. Il quadro è positivo”, ha affermato Lollobrigida.

Queste parole emergono in un contesto globale segnato da tensioni geopolitiche e da una crisi mediorientale che si protrae. Tuttavia, il ministro insiste sul fatto che l'Italia sia tornata protagonista sul fronte internazionale e che il governo stia mantenendo le promesse fatte durante la campagna elettorale.

Rivolgendosi agli sforzi di ripresa dopo l'alluvione del maggio 2023, il ministro ha sottolineato l'impegno del governo nel sostenere le regioni colpite, soprattutto l'Emilia Romagna, la Toscana e le Marche. "Stanno collaborando tutti a dare non solo riscontro ma anche ristoro, a trovare in una fase congiunturale come questa, drammatica per l'intero pianeta e anche per l'Italia di conseguenza, le risorse per fare tutto quello che è possibile", ha detto.

Un aspetto chiave degli sforzi del governo è il sostegno alle imprese, con Lollobrigida che ha annunciato uno sconto del 68% sui contributi Inps per il 2024, mirando a dare "respiro alle aziende non solo perché si riprendano, ma perché tornino più forti di prima". L'agricoltura rimane al centro delle politiche governative, con investimenti raddoppiati e un focus sull'innovazione e sulla sostenibilità. Lollobrigida ha ribadito l'importanza di preservare il settore agricolo e di lavorare verso un modello di sistema-Italia che sia competitivo a livello globale.

Infine, riguardo al caso Liguria, il ministro ha espresso preoccupazione per gli arresti, ma ha sottolineato l'importanza di rispettare il processo giudiziario e la presunzione di innocenza. "Io non ho mai avuto occasione di pensare che il governatore della Regione Liguria agisse in modo sconsiderato, scorretto o addirittura come gli viene attribuito in maniera e in modo lesivo delle normative italiane", ha concluso.

 

 

 

 




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: Ricerca Ires, aumenta lavoro stabile ma anche quello povero

Più lavoratori stabili ma anche più lavoratori anziani poveri e precari. E' la fotografia del mercato del Lavoro in Emilia-Romagna scattata dall'Ires. Dallo studio dell'Istituto di ricerca della Cgil emerge un quadro positivo dell'economia regionale. Ma i divari si fanno sempre più profondi. Secondo i dati, il 2023 ha visto la prosecuzione di una fase di rallentamento dell'economia iniziata nel 2022, la crescita del Pil regionale dell'1,1% contro il 3,4% dell'anno precedente. I consumi delle famiglie sono in aumento dell'1,4%, penalizzati però dall'inflazione, con conseguenze sul reddito disponibile reale. Il 2023 registra un +1,4% dei lavori a tempo indeterminato, ma il 31,8% dei lavoratori dipendenti, in Emilia-Romagna, nel 2022 aveva un reddito sotto i 15.000 euro; il 21,8 sotto i 10.000. "L'occupazione in sé è in crescita e cala la disoccupazione. Se guardiamo, però, i dati del milione e mezzo di lavoratori dipendenti dei settori privati in Emilia Romagna - sottolinea Massimo Bussandri, segretario regionale della Cgil -  soltanto il 44% sono stabili nel senso pieno del termine, cioè lavoratori occupati a tempo indeterminato, full time e per tutto l'anno solare". "Abbiamo bisogno di avere più tecnologia, ma quella tecnologia va governata. Altrimenti abbiamo degli ottimati là in alto e sotto una bolla di lavoro povero, di imprese povere che hanno l'analfabetismo dell'innovazione" rimarca l'assessore regionale allo Sviluppo produttivo, Vincenzo Colla. "Noi dobbiamo avere un grande corpo centrale che è in grado di allungare la mano alle figure più deboli che ci sono" conclude.