6 NOVEMBRE 2023

13:15

NOTIZIA DI POLITICA

DI

744 visualizzazioni


6 NOVEMBRE 2023 - 13:15


NOTIZIA DI POLITICA

DI

744 visualizzazioni



FORLÌ: Il viceministro Bignami rassicura, "La scuola Enav non chiuderà" | VIDEO

 Il ‘Training Centre’ di Enav a Forlì non chiuderà. Lo ha annunciato oggi il viceministro alle infrastrutture e trasporti Galeazzo Bignami che ha incontrato la stampa a margine dell’avvio dei corsi per i controllori di traffico aereo. “Quando nelle scorse settimane, ormai mesi, il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini mi profittò il rischio di una dismissione della presenza di Enav con un’uscita lenta ma inesorabile – dice Bignami - sono rimasto abbastanza sorpreso anche perché in effetti quando poi siamo andati a verificare lo stato interno al vecchio piano industriale c’era non solo traccia ma la concretezza che Forlì perdesse la scuola. La determinazione, la pervicacia con cui il sindaco ha difeso la presenza della scuola ha consentito di comprendere che si trattasse non solo di una difesa dell’interesse di un territorio ma fosse anche un interesse nazionale da dover perseguire. Questa scuola rappresenta un’eccellenza”, sottolinea. Il ‘Training Centre’ di Forlì è l’unico centro di formazione in Italia per controllori del traffico aereo. La struttura è gestita da ENAV SpA, la società che controlla il traffico aereo civile in Italia. C’è “la volontà non solo di riaffermarne la centralità ma anche di investire sul futuro della scuola per rendere ancora più strutturato il polo aeronautico”, conclude Bignami.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

BOLOGNA: Misure cautelari dopo lo sgombero, collettivi in presidio | VIDEO

Presidio dei collettivi a Bologna dopo le misure cautelari di divieto di dimora nei confronti di sei attivisti, dopo lo sgombero dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in via Mazzini. “Misure fasciste e repressive” attaccano i manifestanti, annunciando una lunga serie di iniziative che già da sabato, a Ferrara, preannunciano una primavera calda in tutta la regione Conferenza stampa-presidio nel cortile del Comune di Bologna dopo le 12 denunce e le sei misure cautelari di divieto di dimora nel territorio metropolitano, eseguite nei giorni scorsi dalla Digos, in seguito allo sgombero dello scorso 6 ottobre, con scontri, dell'occupazione abitativa del collettivo Luna in uno stabile di proprietà di una congregazione di suore in via Mazzini. I sei attivisti colpiti dal provvedimento, con un team legale già a lavoro per chiederne la revoca, adesso sono ospiti di alcuni compagni di Reggio Emilia, solidali con loro, come numerose sigle, collettivi e movimenti bolognesi e non solo, considerando la tensione nelle ultime settimane un po' dappertutto nel Paese. Ad assistere alla conferenza anche la vicesindaca Emily Clancy ed esponenti della maggioranza comunale extra-Pd. A manifestare, annunciando una serie di iniziative che già da sabato a Ferrara prospettano una primavera calda in tutta la regione, anche Martina, attivista di Labas, sulle prime pagine col volto sanguinante proprio il giorno dello sgombero per le ferite riportate in seguito agli scontri, che videro coinvolti anche di tre agenti. Quello che l'ha colpita è stato denunciato, assicura la giovane, che parla inoltre di falsità riportate nelle notifiche, sulle quali si leggerebbe che la studentessa si sia fatta male da sola, scivolando.