16 MAGGIO 2024

13:08

NOTIZIA DI POLITICA

DI

534 visualizzazioni


16 MAGGIO 2024 - 13:08


NOTIZIA DI POLITICA

DI

534 visualizzazioni



BOLOGNA: UniBo, i collettivi premono contro gli accordi con Israele | VIDEO

Studenti in mobilitazione da mesi, oltre a personale e diversi docenti dell'Accademia delle Belle Arti di Bologna, chiedono un consiglio accademico straordinario per discutere sull'interruzione dei rapporti con l'università Shenkar di Tel-Aviv, in prima linea, spiegano, nel sostenere l'esercito israeliano nel conflitto di Gaza, con diverse iniziative. A sostenere la richiesta anche il celebre vignettista, insegnante proprio in Accademia, Gianluca Costantini

Studenti in mobilitazione da mesi, collettivi, Giovani Palestinesi, ma anche personale e diversi docenti dell'Accademia delle Belle Arti di Bologna, chiedono un consiglio accademico straordinario per discutere la mozione, avanzata da tempo, sull'interruzione dei rapporti con l'università Shenkar di Tel-Aviv. Un ateneo che, spiegano, si è palesemente schierato a favore del conflitto in diversi modi, sui social e con iniziative che vanno, ad esempio, dalla pubblicazione di una raccolta per bambini con immagini belliche da colorare al finanziamento di un progetto per la creazione di docce da campo, fino alla riconversione delle aule del dipartimento di fashion design per creare gilet tattici e divise. Gianluca Costantini, vignettista e professore proprio in Accademia, spiega: “Non essendo possibile un dialogo neanche fra i docenti di queste due scuole, chiediamo venga interrotto questo rapporto, o che venga almeno sospeso. Non si può avere rapporti con un'istituzione del genere”. Gli accordi in essere con l'università di Shenkar prevedono nello specifico scambi erasmus e progetti partecipati. “Bisogna fare fronte comune per ribadire che dobbiamo disertare la guerra” dice Myriam Calcagnile, rappresentante del collettivo CambiareRotta e studentessa in mobilitazione, proprio come Alessio Carecci, il quale aggiunge: “L'Accademia non può permettersi di essere complice di un'istituzione di questo tipo e portarsi un'onta che non si leverà facilmente nel futuro”. La mozione è stata già portata in due consiglio accademico, l'ultimo una decina di giorni fa. Agnese Mussari, componente del consiglio, conclude: “Abbiamo riscontrato che non c'è la volontà da parte della direzione di sospendere questi accordi, ma di rimodularli. A noi questa cosa non va bene, è impensabile che un'istituzione che collabora in maniera diretta con l'apparato militare israeliano sia coinvolta nelle attività didattiche”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

CESENA: Presentata la nuova giunta, 6 riconferme e 3 novità | VIDEO

E’ pronta la nuova giunta del Comune di Cesena. Il sindaco Enzo Lattuca, appena rieletto per il secondo mandato con una ampia maggioranza, ha presentato la sua nuuova squadra. Una esclusione, tante riconferme e qualche nome nuovo. Questa la nuova giunta comunale di Cesena, presentata dal sindaco Enzo Lattuca dopo la riconferma alla guida della città. 9 assessori, 5 donne e 4 uomini. Di questi, ben 6 sono quelli confermati, anche se non tutti con lo stesso ruolo. Tra i capisaldi ci sono il vicesindaco Cristian Castorri, assieme a Camillo Acerbi, Carmelina Labruzzo e Cristina Mazzoni, il cui ruolo resta pressochè invariato. Ancora in giunta, anche se con incarichi diversi, Francesca Lucchi e Luca Ferrini. Resta fuori invece Carlo Verona, già assessore alla cultura, il cui assessorato è stato inglobato da quello al bilancio, guidato da Acerbi: “Il risultato che abbiamo avuto credo abbia dato un giudizio positivo sul nostro operato quindi sono partito dalle riconferme – spiega Enzo Lattuca - ma ci sono anche 3 nuovi ingressi” Si tratta di Elena Baredi, alla scuola, Andrea Bertani alla sostenibilità ambientale e Giorgia Macrelli, 28 anni, che si occuperà di politiche giovanili: “Cesena è già molto avanti ma c’è comunque tanto da fare – spiega Giorgia Macrelli - Io mi sento pronta per lavorare nel tessuto sociale e sui giovani.Quello che intendo fare è entrarci ancora di più, ascoltare i bisogni dei cittadini e poi agire per il bene della società” 9 assessori in totale, due in più della giunta precedente, per effettuo della qualifica del Comune di Cesena a capoluogo di provincia. Anche i consiglieri comunali passano da 24 a 32: “Non è una rivoluzione ma penso sia un giusto riconoscimento per una città che ha bisogno di una rappresentanza importante” chiude Lattuca