20 MAGGIO 2024

13:59

NOTIZIA DI POLITICA

DI

441 visualizzazioni


20 MAGGIO 2024 - 13:59


NOTIZIA DI POLITICA

DI

441 visualizzazioni



BOLOGNA: Salvini, “il Passante si farà anche se i costi sono triplicati” | VIDEO

Il vicepremier e ministro delle infrastrutture Matteo Salvini ha fatto tappa a Bologna per presentare le opere più importanti in regione da qui al 2032. Inevitabile un passaggio sul Passante del capoluogo, con tempi e costi che continuano a rimodularsi nel tempo. “L'opera si farà anche se la società privata che se ne sta occupando sta rivedendo i conti” ha assicurato il responsabile del Mit, che sulle città 30 ha aggiunto: “Ci vuole buonsenso”

“Si parla di una società privata, come in altri casi, che sta rivedendo i conti. A me interessa però che le opere si facciano, per questo stiamo lavorando ad una riforma delle concessioni autostradali perché sia il pubblico a farsi carico di quello che poi serve agli utenti”. Avanti tutta col Passante di Bologna, nonostante tempi e costi ancora con grossi punti interrogativi davanti. Lo ha confermato, ospite dell'Opificio Golinelli per la tappa nel capoluogo del tour “L'Italia del Si 2023-2032 - Progetti e grandi opere in Italia", il vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, presentando per l'occasione le infrastrutture strategiche per il Paese e l'Emilia-Romagna dei prossimi anni. Dai 3,6 miliardi di investimenti complessivi per 18 interventi stradali in cantiere ai 640 milioni in campo per quelli più importanti, che vanno dal nodo ferrostradale di Casalecchio al terzo lotto della tangenziale di Forlì, dai quasi 60 milioni per la Porrettana a interventi in progettazione come la variante dell'Adriatica di Bellaria fino alla Campogalliano-Sassuolo. E poi ancora rete rete ferroviaria, aeroporti e codice della strada. Confronto ancora aperto sulla città trenta bolognese. “Per me prevale sempre il buonsenso -ha spiegato Salvini-. Il nuovo codice della strada che abbiamo scritto è per salvare vite, quindi serve buonsenso. Le zone trenta in prossimità di scuole, ospedali, case di riposo, ci stanno; su intere superficie cittadine non risolvono alcun tipo di problema. Stiamo investendo miliardi di euro in questa regione -ha concluso- anche per opere di cui si parla da troppo tempo. Sono contento, perché in un anno e mezzo non risovli problemi che aspettano risposte da 40 anni, però abbiamo dato in tutte le province segnali concreti di presenza e attenzione”.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

FORLI’: Definita la squadra che affiancherà il sindaco Zattini

Il Sindaco di Forlì Gian Luca Zattini annuncia i nomi del Vicesindaco e degli Assessori che lo affiancheranno, nella Giunta comunale, per il mandato amministrativo 2024 - 2029. In attesa di completare il quadro delle deleghe, che è in fase di definizione e sarà presentato a inizio settimana, sono resi noti i nomi dei componenti la squadra del governo locale. La carica di Vicesindaco sarà ricoperta da Vincenzo Bongiorno mentre in qualità di Assessore sono nominati Luca Bartolini, Emanuela Bassi, Kevin Bravi, Paola Casara, Vittorio Cicognani, Andrea Cintorino, Giuseppe Petetta e Angelica Sansavini. “Sono soddisfatto del quadro di sintesi che è emerso dal lavoro portato avanti insieme ai partiti e alle forze civiche che sostengono la maggioranza” afferma il Sindaco Zattini. “Questa nuova Giunta – prosegue – è ricca di competenze personali, di esperienze politiche e tecniche di rilievo, di contatti proficui con la società civile, con il mondo del lavoro e dell’imprenditoria, con i territori.” L’assetto amministrativo e politico d’avvio di questo secondo mandato si completerà con l’insediamento del nuovo Consiglio comunale in programma il prossimo 2 luglio e nel corso del quale verranno eletti il Presidente e il Vicepresidente, che di prassi spetta all’opposizione, oltre che la composizione delle commissioni. Per l’elezione del Presidente del Consiglio, i partiti della coalizione di maggioranza proporranno il nome di Daniele Mezzacapo.