12 GIUGNO 2024

10:37

NOTIZIA DI POLITICA

DI

1480 visualizzazioni


12 GIUGNO 2024 - 10:37


NOTIZIA DI POLITICA

DI

1480 visualizzazioni



FORLÌ-CESENA: Sindaci al lavoro per la nuova giunta, ecco i più votati

Ufficializzato il risultato alle urne è il momento ora per i sindaci di comporre la nuova giunta comunale. Grande peso avranno, come sempre, i voti di preferenza portati a casa dai candidati. Vediamo come è andata a Forlì e Cesena

Paola Casara, Maria Elena Baredi, Enrico Castagnoli ed Elisa Massa. Sono loro i campioni delle preferenze a Forlì e Cesena, dove nel fine settimana si è votato per eleggere il nuovo sindaco. Nessuna novità, in realtà, per quanto riguarda i primi cittadini Gian Luca Zattini ed Enzo Lattuca, entrambi confermati al primo turno. Ora per loro è venuto il momento di comporre la nuova giunta, che dovrà necessariamente rispecchiare i rapporti di forza emersi dai nomi che gli elettori hanno scritto nella scheda.

A Forlì la più votata in assoluto è stata Paola Casara, esponente de La Civica, che ha raccolto 1247 preferenze. Per lei appare quindi quasi scontata la riconferma in giunta. Nella maggioranza il secondo in termini di voti è stato invece Vincenzo Bongiorno, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia con 624 presenze. Per quanto riguarda la Lega ci sono invece appaiati l’assessora Andrea Cintorino e il vicesindaco Daniele Mezzacapo con 458 e 459 voti. A Cesena è stata invece Maria Elena Baredi, del Partito Democratico, la campionessa delle preferenze con 938 voti che dovrebbero garantirle l’ingresso in giunta. Terza Carmelina Labruzzo dei Popolari per Cesena che si porta a casa 792 voti. Quasi scontata per lei la riconferma al ruolo di assessora ai servizi per la persona e le famiglie. Nell’opposizione ha invece fatto di nuovo il pieno di voti Enrico Castagnoli di Fratelli d’Italia, con 887 preferenze.

Tutti numeri che i sindaci dovranno tenere conto per la composizione della nuova giunta. Da segnalare che per questa nuova legislatura gli assessori a Cesena passeranno da 7 a 9, grazie al riconoscimento della città come co-capoluogo.




ALTRE NOTIZIE DI POLITICA

EMILIA-ROMAGNA: Passante di Bologna in ritardo, chiesto incontro urgente al Mit

“L'opera va troppo a rilento, se c'è da rivedere i costi lo si faccia velocemente”. Così l'assessore regionale Andrea Corsini è tornato a parlare del Passante di Bologna, in attesa di una convocazione dal ministro Salvini per accelerare sui tempi di realizzazione dell'opera. L'occasione è stato un punto su quanto fatto durante questa legislatura a proposito di mobilità sostenibile e qualità dell'aria, annunciando nuovi interventi, per quasi 14 milioni di euro “L'opera va troppo a rilento, a noi non basta che ci indichino e ci dicano che rimane una delle due priorità nazionali, ma se è così dopo il lotto zero bisogna passare al lotto uno: se ci sono problemi per ridefinire il Pef, e quindi abbassare un po' i costi, che lo si faccia velocemente, senza toccare le opere di compensazione ambientale e quelle di adduzione, ma si proceda. Aspettiamo la convocazione dal ministro Salvini, che abbiamo sollecitato a riguardo”. Lavori già in ritardo di un anno e fermi al lotto zero, in attesa di sapere da Autostrade se si possono rivedere i costi nel tempo lievitati a 2,9 miliardi, ma con l'auspicio di far ripartire il cantiere entro fine legislatura, tanto chiedere un incontro urgente al Mit. L'assessore regionale alle infrastrutture, Andrea Corsini, torna a parlare dello stallo per la realizzazione del Passante di Bologna e lo fa in occasione di un bilancio degli ultimi cinque anni in tema di mobilità sostenibile e qualità dell'aria. Cinque anni che avvicinano l'Emilia-Romagna agli obiettivi europei e a quelli previsti dal Patto per il lavoro e per il clima, nonché all'obiettivo di mandato di mille chilometri di piste ciclabili in più in tutta la regione. Oltre 500 gli interventi finanziati e 160 i milioni stanziati. Ultimo tassello: altri 13,8 milioni messi a disposizione degli enti locali, tramite due bandi, sia per la realizzazione di altri 40 km di ciclabili e il rafforzamento delle infrastrutture già presenti, sia per incentivi all'uso della bici per gli spostamenti casa-lavoro. “Ci devono essere delle regole, ma il cittadino si deve sentire parte di questa sfida -commenta l'assessore all'ambiente e presidente facente funzioni, Irene Priolo-. E quindi la possibilità non soltanto di dargli incentivi, come stiamo facendo adesso, ma di farlo sentire un protagonista delle sfide ambientali diventa sicuramente vincente. Anche perché questi incentivi rendono la sfida della transizione ecologica alla portata di tutti”. Altri due milioni saranno destinati a cinque comuni sotto i 30mila abitanti, tra Piacenza e Ferrara, con altri 4 km di ciclopedonali tramite lo scorrimento della graduatoria del bando per la promozione della mobilità ciclabile, pubblicato ad agosto 2023.